Febbraio 6, 2022

Cashback e Lotteria scontrini

Nel tentativo di incentivare l’uso dei pagamenti elettronici e agevolare il commercio tradizionale sono stati attivati due nuovi strumenti in favore dei cittadini.

Cashback
Il progetto consiste nel rimborso ai cittadini privati di una somma pari al 10% delle spese che loro eseguiranno nei negozi fisici (quindi non commercio online) provvedendo al pagamento tramite carte elettroniche.

In via sperimentale, l’iniziativa è stata attivata per il periodo di natalizio per cui varrà per tutti gli acquisti eseguiti dal giorno 8/12/2020 al 31/12/2020.

In tale periodo gli utenti dovranno eseguire almeno 10 transazioni e riceveranno un accredito del 10% delle somme pagate nel limite massimo di 15€ per ogni transazione e 150€ complessivi beneficiabili nel periodo natalizio.

Poi, a regime, nel 2021, il rimborso spetterà solo se si eseguiranno almeno 50 transazioni per semestre, fermo restando il tetto di 150€ a semestre. Per le somme spese in misura eccedente sarà poi previsto un Super Cashback (!) finale.

Per fortuna, la farmacia non deve eseguire assolutamente nessun adempimento ma limitarsi a ricevere l’incasso con strumenti elettronici.

Sarà infatti onere del cliente registrare le proprie carte di pagamento, tramite il sito della società che le ha emesse oppure tramite l’app. IO Italia disponibile sugli smartphones, ed indicare il codice IBAN ove dovrà essere accreditato il cashback.

Lotteria degli scontrini
Più complesso invece sarà per le farmacie affrontare l’introduzione della “Lotteria degli scontrini” che, dopo varie proroghe, inizierà a funzionare dall’1/1/2021. Il progetto consiste nell’eseguire delle estrazioni settimanali e mensili ed un superpremio finale in favore di tutti i cittadini che avranno partecipato alla “riffa” nazionale.

Tale partecipazione avviene mediante la registrazione sul Portale appositamente creato https://www.lotteriadegliscontrini.gov.it/portale/home ottenendo un “codice lotteria” personale,

Tale codice dovrà essere esibito all’esercente presso il quale si sta eseguendo l’acquisto il quale, al momento dell’emissione dello scontrino, lo dovrà digitare o acquisire con un lettore a barre. A fine giornata tutti gli “scontrini lotteria” dovranno essere trasmessi dall’esercente al portale appositamente creato.

Ciò comporta che tutti i software gestionali in uso nelle farmacie, così come il software installato nei misuratori fiscali attualmente in uso, dovranno essere aggiornati,
Da informazioni acquisite sembra che le software house stiano includendo tale aggiornamento nel contratto di manutenzione dei programmi senza addebiti ulteriori, laddove invece i produttori di registratori di cassa stiano chiedendo somme extra per tale aggiornamento. In ogni caso alcuna apparecchiatura va acquistata, nonostante le pressioni dei rivenditori di macchine da ufficio, poiché quelle esistenti in farmacia sono sufficienti per eseguire quanto necessario a questo nuovo adempimento.

E’ stato già chiarito che l’inserimento del codice lotteria è alternativo all’acquisizione del codice fiscale perché chi partecipa alla lotteria non potrà usufruire della detrazione del 19% per le spese mediche nella dichiarazione dei redditi.
Ciò non sarà un’agevolazione per le farmacie poiché è facilmente prevedibile che gli utenti a questo punto chiederanno l’emissione di due distinti scontrini, uno con il codice fiscale per l’acquisto di farmaci ed usufruire della detrazione fiscale, l’altro con il codice lotteria per l’acquisto di parafarmaci (gli scontrini partecipano all’estrazione con pari possibilità indipendentemente dall’importo).

Così ancora una volta uno strumento progettato per combattere l’evasione
fiscale penalizzerà uno dei pochi settori dove essa non è presente.
Sarà nostra cura aggiornarVi man mano che vi saranno nuove notizie su
queste novità.

In this article:
L'Autore dell'Articolo
Condividi sui Social Media
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram