Febbraio 8, 2022

Scontrino a credito per presentazione DCR

Con il 2022 è entrato in vigore il nuovo tracciato telematico per la trasmissione dei corrispettivi alla Agenzia delle Entrate che consente, fra l’altro, di trasmettere anche gli scontrini a credito (per i quali finora la trasmissione telematica non funzionava).

È pertanto ora possibile emettere lo scontrino a credito in occasione della presentazione delle DCRU mensili, a cominciare da quella relativa al mese di Dicembre 2021. Come ricorderanno i meno giovani titolari, l’obbligo di tale scontrino a credito non è prescritto dalla legge tributaria ma fu previsto dalla circolare n. 74 del 6/7/1983.

Si tratta pertanto di una interpretazione fatta dall’Amministrazione Finanziaria e non di un obbligo esplicito previsto dalla legge, tanto è vero che esso è andato gradualmente in disuso senza che alcun titolare abbia ricevuto, per quanto a nostra conoscenza, alcuna contestazione per la sua mancata emissione.

Ora, in occasione del nuovo software adottato per i registratori di cassa, la necessità di emettere lo scontrino a credito all’atto della presentazione delle DCR è stato rispolverata per cui conviene adeguarsi, perlomeno finché non ci sarà un chiarimento ufficiale circa la
evidente inutilità dello stesso.

Per la stampa di tale scontrino occorre:

  • utilizzare l’apposito tasto “Scontrino non riscosso” presente su tutti i registratori di cassa (in caso di dubbio occorre rivolgersi al tecnico manutentore)
  • l’importo da indicare è quello del Netto al liquidare alla farmacia risultante dalla DCR: per agevolare i clienti, in allegato riportiamo il rigo da prendere in considerazione per ogni diversa area geografica
  • non va indicata alcuna aliquota IVA in quanto anche l’incasso DCR rientra nel campo della ventilazione
  • non va emesso scontrino per la Remunerazione Aggiuntiva recentemente riconosciuta in quanto la stessa non è soggetta ad IVA
  • non va emesso scontrino per le somme addebitate alla ASL per Prestazioni integrative e DPC, già oggetto di separata fatturazione in regime di split payment

Al momento poi dell’effettivo incasso da dell’importo della DCR andrà emesso normale scontrino, per l’importo determinato come sopra in modo da versare l’IVA compresa nella somma incassata.

Restiamo a disposizione per ogni ulteriore chiarimento.

In this article:
L'Autore dell'Articolo
Condividi sui Social Media
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram